CONCERTO DEI SHIN BISHOONEN

bishonen

In occasione di Albenga Dreams sabato 12 Settembre nella bellissima cornice di piazza San Michele ad Albenga avrà luogo il concerto dei Shin Bishoonen.

Tutto ebbe inizio nel 1999, quando dallo spazio giunse la squadra Bishoonen.
Cinque misteriosi eroi si lasciavano per sempre alle spalle la patria natia, la lontana stella Maxena 3, per compiere una nobile missione: portare un messaggio d’amore attraverso le vecchie sigle degli anni ’70 – ’90.

Dopo circa un decennio di concerti e di attività sul nostro pianeta alcuni di loro caddero nelle tentazioni della Terra riuscendo però a consegnare la propria missione a dei successori che vennero selezionati tra gli umani più meritevoli.

I Bishoonen si ripresentarono così al mondo con la loro bella divisa da studenti liceali giapponesi (quasi a suggerire un’irredimibile adolescenza intrinseca).

Oggi si fanno chiamare Shin Bishoonen e attualmente la band è composta da sei elementi: Emanuele Fanti: Amuzani (voce), cosplayer purosangue e animale da palco; Monica Puccio, detta Hiromi, (voce), la passione per il cosplay e gli anime l’hanno portata a divenire cantante di sigle dei cartoni; Alessandro Ragazzi alias Alex Benkei, tastierista già della prima formazione che ha sulle (s)palle tutta la storia bishoonica, Massimiliano Pernatsch, detto Tarrasque (chitarra), che ha collaborato con celebri autori quali Vito Tommaso e Nico Fidenco; Gabrio Secco, detto KBL (basso), ben conosciuto nel mondo dei forum dei siglomani, che insieme a Tarrasque ha suonato con i precedenti autori e non ultimo con Le Mele Verdi; Matteo Moggia: Kirtipur (batteria) di gusti molto rock.

La band propone uno spettacolo originale, interagendo con un maxi schermo sul quale vengono proiettati, oltre ai video inerenti alle sigle, filmati originali e divertenti di ideazione propria; il suo intento è quello di creare l’effetto revival delle vecchie trasmissioni per ragazzi.

L’attività del gruppo si è sempre differenziata fra concerti, animazione, internet (con il sito, il forum e tutte le folli iniziative ad esso legate)

Vanno poi ricordate esecuzioni peculiari molto amate dal pubblico, quali Grottango, la sigla del cartone perduto degli anni ’80, della quale il gruppo si rese interprete mediante una filologica versione di recupero, o la Vega Dance.

Su Youtube è facile trovare inquietanti testimonianze di perfomance o collaborazioni legate anche ad altri tipi di intrattenimento, quali Mazinga Zetto, il ridoppiaggio in dialetto genovese del famoso cartone animato (quasi) omonimo.

Nel corso degli anni, proprio sul palco di Lucca, i ragazzi hanno collaborato con alcuni storici autori di sigle, quali i Superobots/Rocking Horse (Grande Mazinga, Daltanious, Candy Candy), i Fratelli Balestra (Daitarn 3, Jeeg), Elisabetta Viviani (Heidi), Luigi Lopez (Pinocchio, perché no).